Commiato

Il 30 giugno, alle ore 17,00, presso la nostra scuola si è riunito l’ultimo collegio docenti dell’anno scolastico 2013/14.

Dopo il collegio c’è stato il saluto dei pensionandi: il dirigente Pasquale Spaziano, le docenti Angelina Fuoco, Lucia Lepore, Elide Campopiano, Rosa Marinelli, il collaboratore Americo Colapietro.
Il dirigente ha incantato tutta l’assemblea con uno stupendo discorso di commiato.

Si è parlato di pensionamento come giusto premio dopo tanto lavoro, della nobile professione dell’insegnamento, di speranza di un futuro migliore per i giovani.

Il dirigente ha poi ripercorso brevemente la sua carriera di docente e di preside sottolineando come il secondo non sia mai riuscito a scardinare il primo, rimarcando alcuni aspetti del proprio carattere a volte un po’ duro ma sempre sincero e leale.
Non sono mancati i consigli per quanti continuano a svolgere il lavoro di docente, come evitare l’individualismo e lavorare sempre in team, conservando sempre passione ed entusiasmo.
Dopo aver rinnovato la sua disponibilità e vicinanza ha ringraziato tutto il personale scolastico nella rappresentanza del dsga e delle sue collaboratrici, gli alunni, le famiglie e … la moglie.

Un ricco buffet offerto dai pensionandi ha chiuso il pomeriggio di festa e di saluti.

Scarica il discorso di commiato

Monitoraggio anno scolastico 2013/14

Il monitoraggio finale realizzato dalle Funzioni Strumentali dell’Area 1, con la collaborazione della Commissione POF e della Commissione Qualità è fondato sulla prospettiva di creare una scuola sempre più efficiente, autonoma, trasparente e chiara nei suoi intenti e nelle sue procedure. Tutti dovrebbero sentirsi compartecipi e corresponsabili delle scelte strategiche e organizzative necessarie a favorire lo sviluppo del sistema in cui si opera, considerandolo come facente parte di un più ampio macrolivello della cultura nazionale.
Ciò impone una seria e continua autovalutazione di Istituto che non sia autoreferenziale e che serva a colmare eventuali gap. A volte, i risultati di queste indagini non sono come avremmo voluto che fossero ma, del resto, la stessa espressione “autovalutazione” tende a fondere in un’unica espressione le due facce di un medesimo itinerario: l’autonomia da un lato, come costruzione ed affermazione di una propria identità culturale e progettuale, la valutazione dall’altro, come riconoscimento e presa in carico di una responsabilità sociale e professionale. Migliorare la qualità del servizio, e migliorare se stessi, è possibile solo se c’è un attento esame degli errori commessi e la precisa volontà a non ripeterli.

Scarica la presentazione in Power Point

Open Day scuola infanzia “Calce” Mignano

Settimana dell’Open Day  dal 16 al 20 giugno 2014.

Secondo giorno: laboratorio di pittura. Coloriamo le letterine e poi….scateniamoci con timbri, rulli e….

Terzo giorno : laboratorio di plastilina rigorosamente di colore giallo come la nostra sezione.

Quarto giorno : teatrino per grandi e piccini “Pesciolino Arcobaleno” una storia di amicizia e solidarietà.

La maestra Annalina nel ruolo di narratore, le maestre Angela Sandra e Pina hanno interpretato i vari personaggi della storia che hanno incuriosito e divertito i bambini e le mamme.

Quinto giorno: incontro con i genitori per illustrare la programmazione educativa e didattica, l’organizzazione scolastica e raccogliere tutte le informazioni utili riguardanti i nuovi iscritti.

Il progetto è stato curato dalla rappresentante di plesso e realizzato  in collaborazione con tutto il personale scolastico.

 

Olimpiadi della Musica 2014

Il giorno 16 maggio si è svolta, nel salone della scuola media di Mignano, la terza edizione delle Olimpiadi della Musica.

Ai vincitori di ciascuna categoria è stata consegnata una targa ricordo offerta dal comune e un diploma di merito.

Ecco, nel dettaglio, l’elenco dei partecipanti con i relativi punteggi:

Categoria Flauto

  1. Costa Marco (punti 108); brano a scelta: Minuetto di Bach; brano sorteggiato: L’emozione non ha voce.
  2. De Cubellis Chiara (punti 100); brano a scelta: Nuvole bianche di L. Einaudi; brano sorteggiato: Speedy Gonzales.
  3. Simone Martina (punti 70); brano a scelta: Per Elisa di Beethoven; brano sorteggiato: Laura non c’è.

Categoria Batteria

  1. D’Agostino Carmine (punti103);
    esercizi a scelta: De Agostini pag. 5; brano scelto: Il pescatore di De André.
  2. Scalena Matteo (punti 100);
    esercizi a scelta: De Agostini pag. 28; brano scelto: Certe notti di Ligabue.

Categoria Canto

  1. Saturno Gianluca (punti 97);
    brani scelti: Troppo buono (T. Ferro) e Come un pittore (Modà).
  2. Crolla Amelia (punti 90);
    brani scelti: Someone like you (Adele) e Lego house (Ed Sheeran).
  3. Winchester Alexander (punti 61);
    brani scelti: Che sarà e O’ surdato nnammurato

Categoria Altri strumenti

  1. Fascì Andrea (punti 119), tastiera elettronica;
    brani scelti: Let her go (Passenger) e Balada pour Adeline (R. Clayderman)
  2. Cristiano Rosy (punti 111), pianoforte e sax tenore;
    brani scelti: Le onde (Ludovico Einaudi) e Jubel (Klingande).
  3. Mirabella Ludovica (punti 99), pianoforte;
    brani scelti: Sonatina (Clementi) e Il lago dei cigni (Ciaikovskij).
  1. Carlone Mauro (punti 87), melodica;
    brani scelti: Inno di Mameli e Landler (Schubert).

Il vincitore assoluto della competizione, quale miglior punteggio tra tutti, è risultato

Fascì Andrea.

 I componenti della giuria sono stati:

Donatella Galardo, assessore alla cultura e turismo, affiancata dal Sindaco Antonio Verdone.

Rosalia Lisi, docente di materie letterarie nella scuola media.

Francesco Di Rubbio, docente di sostegno diplomato in tromba.

Pietro Diodati, docente di strumenti ad ancia, diplomato in clarinetto.

Pierpaolo D’Agostino, studente, vincitore delle Olimpiadi della Musica della precedente edizione.

Hanno svolto la funzione di notai i professori Silvia Segrella e Marcello Velardi.

Vallette: Helene Talinucci, Angela Urgolo, Elisabetta Orzoi.

Il servizio fotografico è stato svolto dalla prof.ssa Patrizia Pace.

Scuola primaria Mignano centro: il presepe vivente

La scuola primaria “F. Fuoco” di Mignano Centro ha rappresentato, nel periodo natalizio, un presepe vivente. Tale rappresentazione è stata preparata durante il periodo prefestivo nelle ore pomeridiane, essendo tale plesso a tempo prolungato. Le attività grafico-pittoriche, comunicative-espressive, motorie, hanno registrato grande partecipazione ed entusiasmo da parte di alunni ed insegnanti che hanno cooperato in sinergia conquistando armonicamente tutti gli obiettivi programmati per tali attività.

Backstage di Natale

Il presepe vivente

I pastori

Incontro con Don Luigi Migliozzi

Il giorno 28 marzo 2014, nel salone della scuola media di Mignano M. L., si è svolto un incontro tra gli alunni e il neo sacerdote Don Luigi Migliozzi a un mese dalla sua ordinazione presbiterale.

L’incontro, organizzato dalla prof.ssa Patrizia Pace, è stato un rilevante momento formativo. Il giovane sacerdote ha dato soprattutto spazio alle domande dei ragazzi riguardanti il tema della fede cattolica, soddisfacendo tutte le loro curiosità. In particolare gli alunni hanno voluto sapere della scelta vocazionale di Don Luigi.

La grande comunicabilità, l’umanità, la simpatia e la sua testimonianza hanno lasciato nei ragazzi e anche nei docenti presenti, la gioia di aver vissuto una bella esperienza formativa.

I ragazzi, al termine dell’incontro, hanno omaggiato Don Luigi di alcuni doni simbolici: una pergamena con una frase di ringraziamento e la firma di tutti gli alunni, uno omaggio floreale e un Crocifisso come segno essenziale della fede e della Quaresima che stiamo vivendo.

Non sono mancati momenti di spettacolo con i canti in tema eseguiti da tutti gli alunni diretti dal prof. Imbriglio e un video che ricordava i momenti salienti dell’Ordinazione Presbiterale di Don Luigi.

Scuola dell’infanzia “B. Calce”: galleria fotografica

“Natale in casa Cupiello” versione ridotta per i bambini della scuola dell’infanzia “B. Calce”.

Giornata  della continuità: i bambini di 5 anni della scuola dell’infanzia “B. Calce” incontrano i bambini e le maestre della scuola primaria.

Maschere tratte dal racconto “Carnevale nella foresta” i bambini della scuola dell’infanzia “B. Calce”.

Cosa sono i corsi PON?

La sigla “PON” sta ad indicare “Programmi Operativi Nazionali”.

Tali programmi sono finanziati dalla Commissione europea per favorire la parità economica e sociale di tutte le regioni dell’Unione Europea e ridurre il divario tra quelle più avanzate e quelle in ritardo di sviluppo.

I fondi investiti per tale scopo sono detti Fondi strutturali. Essi si dividono in due grosse categorie:

  • FSE (Fondo Sociale Europeo): favorisce le competenze per lo sviluppo.
  • FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale): favorisce gli ambienti di apprendimento.

Il Fondo Sociale Europeo (FSE) finanzia interventi nel campo sociale. Ha il compito di intervenire su tutto ciò che concorre a sostenere l’occupazione mediante interventi sul capitale umano: prevenire e combattere la disoccupazione, creazione di figure professionali e di formatori. I beneficiari sono soprattutto giovani, donne, adulti, disoccupati di lunga durata, occupati a rischio di espulsione dal mercato del lavoro e gruppi a rischio di esclusione sociale. Fanno parte di questa categoria i corsi attualmente in atto nella nostra scuola.

Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) finanzia gli interventi infrastrutturali nei settori della comunicazione, energia, istruzione, sanità, ricerca ed evoluzione tecnologica. Fanno parte di questa categoria i fondi erogati per l’acquisto di materiale didattico, laboratori linguistici, musicali, multimediali ecc.

I fondi strutturali sono erogati alle scuole dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca sulla base di due Programmi Operativi Nazionali ideati per sostenere l’innovazione e la qualità del sistema scolastico in quattro Regioni del Sud Italia (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, le sole appartenenti all’Obiettivo Convergenza) e colmare il divario con le altre aree territoriali del Paese e dell’Unione Europea.

Si tratta dunque di un vasto piano di sostegno finanziario allo sviluppo del sistema di istruzione e formazione delle regioni del mezzogiorno che ha obiettivi specifici di grande rilievo.

Le scuole, per accedere a tali finanziamenti, elaborano un Piano (insieme di Progetti) che viene valutato dall’Autorità di Gestione dei PON. A seguito di specifica autorizzazione ciascuna scuola avvia le procedure per la realizzazione del Piano Integrato di Istituto.

Ogni piano prevede, per la sua progettazione, attuazione e conclusione, una serie di operazioni sottoposte a rigidi controlli e un team di figure professionali selezionate secondo veri e propri bandi di concorso. Il tutto è svolto rispettando la massima trasparenza.

Le principali figure professionali coinvolte nella categoria “C1” dedicata all’insegnamento rivolto agli alunni sono le seguenti:

-          Dirigente Scolastico (DS, preside) e Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA, segretario): presentano il progetto e lo seguono in tutte le sue fasi iniziali, elaborano i bandi di selezione delle altre figure professionali, dirigono e orientano tutte le attività.

-          Facilitatore e Referente per la Valutazione: affiancano il DS e il DSGA nelle attività di coordinamento, aiutano e guidano le altre figure professionali, valutano l’efficacia degli interventi, partecipano insieme al DS e al DSGA alle riunioni del GOP (Gruppo Operativo di Piano).

-          Tutor: gestiscono la piattaforma INDIRE sulla quale va tracciato tutto il percorso del Piano (progettazione, insegnamento, certificazione ecc.), affiancano il docente durante le lezioni, registrano le anagrafiche degli alunni, le assenze ecc.

-          Esperti: sono i docenti che tengono le lezioni in classe e curano la programmazione del loro corso, detto anche “modulo”.